venerdì 1 febbraio 2008

9 febbraio 2008 Stage con Patrizia Lo Sciuto


Sabato 9 febbraio 2008
Ore 10.00/14.00

presso Officine Ouragan P.zza Montevergini 2-Palermo

Il sabato della danza
tecnica release e atelier di improvvisazione

“Ritmo, percezione temporale, suono, musica e movimento”
con

Patrizia Lo Sciuto, danzatrice
e
Alessandro Librio, violinista

Iscrizioni entro il 7.02.08
motoarmonico@libero.it

La danza è il mezzo di espressione più antico e autentico dell’essere umano. E’ linguaggio, comunicazione, mezzo per esprimersi creativamente, conoscersi e crescere. La danza è in noi, ma purtroppo nascosta e mascherata, ridotta in abiti troppo stretti, resa meccanica da un corpo che diventa sempre più disarmonico, avendo perso quella naturale e meravigliosa armonia presente nei movimenti dei bambini. Quella coordinazione naturale ed armonica, si perde, oscurando il movimento autentico.

Patrizia Lo Sciuto
Danzatrice e coreografa, si è diplomata nel 1989 a Parigi presso l'Istituto “Rencontres Internationales de Danse Contemporaine” (R.I.D.C.), diretto da Françoise e Dominique Dupuy. Nel 1992 ha ottenuto il Diploma di Laurea francese per l'insegnamento della danza contemporanea. Ha perfezionato la sua formazione con Trisha Brown a Bruxelles e con Shelley Center, Greg Lara, Josèe Cazeneuve e Odile Rouquet a Parigi. Segue il maestro di qi gong Dr. Liu Dong, appassionandosi allo studio della medicina tradizionale cinese. Si diploma in massaggio Tuina con il Dott. Li Xiao Ming nel 2006. Ha danzato nelle compagnie “Libre Percours” di Marie-France Delieuvin, “Equipe T” di Jean Christophe Terol e in quella di Laurence Marthouret. Danzatrice, a Wuppertal, nello spettacolo “11 Fugues” di Bernd Uwe Marszan (solista della Compagnia di Pina Bausch), è interprete nel maggio 2007 nell’installazione di arti visive, danza e musica “Stanza di Luce” presentata al Festival di danza presso il Centre Choregraphique National Ballet Preljocaj di Aix en Provence. Patrizia Lo Sciuto codirige dal 1995 la Compagnia Moto Armonico-Danza caratterizzata da una continua attività di ricerca e di sperimentazione sulla relazione musica-danza e sull’interazione scenica fra danzatori e musicisti. Tra gli spettacoli prodotti ricordiamo:“Risonanze” (1995), “Come ombre nella casa” (1995), “Con dedica” (1996), “Passanti per la via” (1996), “Opus 3” (1998), “Ouverture” (1999), “Mosaico” (2000), “Clinamen” (2001), “Malgré tout” (2006) “Elvira e Ruggero” (2006). “Opus 3” è stato uno dei tre spettacoli selezionati dalla Fondazione Romaeuropa per rappresentare la danza contemporanea italiana in Sud America, nell’ambito del progetto “Latina 2000”, promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dal Ministero degli Affari Esteri, andando in scena a Santiago del Cile, nel mese di Novembre dello stesso anno. In quell’occasione, Patrizia Lo Sciuto è stata invitata a tenere un seminario sulle sue tecniche compositive, presso il Dipartimento di Danza della Facoltà delle Arti dell’Università di Santiago. Lo spettacolo “Clinamen” ha partecipato, con notevole successo di pubblico e di critica, al Festival Internazionale di Remscheid (Germania) nel giugno 2003. Dal 2001 ad oggi la Compagnia è stata ospite di rassegne organizzate da: Camerata Musicale Salentina-Lecce, Scenario Pubblico-Catania, Amici della Musica-Siracusa, Amici della Musica-Messina, Amici della Musica-Trapani. Patrizia Lo Sciuto è socio fondatore della LIACOS, libera associazione coreografi siciliani. Scrive nella sezione danza della rivista on line www.succoacido.net

Alessandro Librio
Inizia lo studio del violino, del pianoforte e della composizione a 13 anni entrando al conservatorio A. Scontrino di Trapani dove nel 1999 riceve una menzione d'onore per i concerti di musica contemporanea svolti. A Trapani incontra Giovanni Sollima, incontro fondamentale per la sua formazione. Studia a Genova con Giuseppe Gaccetta, a Marsala con Zoya Nademliska, a Roma con Francesco Peverini ed a Trapani con Enrico Orlando. Nel 2004 inconta Lelio Giannetto ed inizia la collaborazione con l'associazione culturale Curva Minore entrando a far parte del'ensemble "Sicilian Music Crew" e del' "Onda Mediterranea". Inizia lo studio della musica elettronica dapprima con D. Sciajno poi con Francesco Galante, nello stesso anno suona al Dar Bach Hamba (Tunisi) per la fondazione Orestiadi di Gibellina. Nel 2005 fonda il 38° Parallelo (gruppo di lavoro sensibile all'avanguardia teatrale, musicale e della video arte) per il quale scrive lo spettacolo teatrale "Operazione Zero" che andrà in scena ad Erice, Palermo e Roma. Nella stessa estate vince il primo premio al concorso teatrale Agricantus scrivendo le musiche per lo spettacolo "Arabbì". Collabora stabilmente con il regista Francesco Siro Brigiano curando tutta la fase audio e scrivendo le musiche per i suoi lavori. Orientato verso L'improvvisazione collabora con alcuni fra i massimi improvvisatori della scena internazionale come Michael Moore, Mike Cooper, Giancarlo Schiaffini, Michael Vatcher ed altri. Nel 2006 inizia lo studio della chitarra classica, basso elettrico, viola e batteria, rincontra il violoncellista e compositore Giuseppe Civiletti con il quale completa il film musicale "Ground Zero" che lo porterà ad esibirsi in diverse città italiane, della Spagna e New York. Nell’estate del 2007 si classifica secondo al concorso internazionale di composizione per video “ Strade del Cinema ” di Aosta, al seguito del quale viene invitato ad Aachen ( Germania ) in qualità di rappresentante dell’ Italia, a partecipare ad una serata dedicata ad i giovani talenti europei, riscuotendo grande successo ed essendo subito rinvitato per l’anno successivo. Attualmente sta ultimando gli studi al conservatorio di Palermo con il m° P. Marabete ed Enzo Ligresti.