domenica 6 settembre 2015

“Le magie della realtà” fiaba musicale danzata per bambini e adulti dall’animo gentile

Appuntamento con… 
La musica accoglie le altre arti: la danza

“Le magie della realtà”

Lunedì 7 settembre 2015
Ore 21:00
Chiostro di San Domenico
Trapani



Trapani, 6 settembre 2015  Trapani Città Mediterranea della Musica con la sua sezione “La musica incontra le altre arti: la danza” presenta lo spettacolo “Le magie della realtà” fiaba musicale danzata per bambini e adulti dall’animo gentile che andrà in scena lunedì 7 settembre 2015, alle ore 21.30, negli spazi del Chiostro di San Domenico a Trapani.

Soggetto e coreografia di Betty Lo Sciutomusiche originali di Eliodoro Sollimadanzatrice  Sara Bonsorte.


“Le magie della realtà” è uno spettacolo nel quale si attua un'originale sintesi di musica e danza, inserito nell’iniziativa “Le settimane della danza” che celebra i vent’anni della Compagnia Moto Armonico Danza di Betty e Patrizia Lo Sciuto (con spettacoli, mostre, conferenze e performance fino al 16 settembre).

II linguaggio della musica e quello della danza si integrano nel "raccontare" in immagini e suoni il "sogno" di una marionetta che, un po' triste, di solito si muove in modo impacciato, rigido e a scatti. Vari tentativi di  renderla più sciolta, di correre, di saltare, si concludono in fallimenti. Stanca e scoraggiata si addormenta e sogna di entrare in un mondo fantastico dove incontra vari oggetti diversi per forma, colore, dimensioni. Dialoga giocosamente con la musica e con le diverse sonorità dei vari strumenti musicali. 

A poco a poco acquista i caratteri delle forme degli oggetti con i quali entra in contatto, "diventa" questi oggetti. AI brusco risveglio la marionetta è più impacciata e sconsolata di prima, ma ecco che, cominciando a muoversi, scopre che magicamente ha "imparato" dall'esperienza vissuta durante il sogno ed è ora capace di saltare, correre, essere felice e fare tanti movimenti nuovi e divertenti. Tutto questo la fa sentire "viva" e con un corpo finalmente unito.

In questa composizione coreografica, attraverso lo studio del movimento creativo, i linguaggi della musica e della danza interagiscono sottolineando le varie corrispondenze ed analogie. Le musiche originali di Eliodoro Sollima, vivaci e comunicative, ben rappresentano il divertente mondo che circonda la marionetta e vivacizzano i suoi movimenti. Ai diversi ritmi musicali corrispondono analoghi ritmi di movimento e viceversa, alle linee melodiche presenti nella musica corrispondono linee del movimento nello spazio. Vengono visualizzati così gli elementi base del movimento: spazio, ritmo, energia. 

Le melodie si concretizzano in linee continue/spezzate, in serpentine, forme, geometrie, “disegnando” nello spazio e rendendo quindi visibile la composizione musicale. II pubblico infantile mostra sempre vivace interesse per questo spettacolo, entrando subito in contatto con i linguaggi più immediati come la musica e la danza. I bambini trovano possibilità di identificazione nel personaggio/marionetta che acquista un proprio modo di essere arricchendosi nel fare esperienza delle cose. Metafora della continua scoperta che il bambino compie interagendo col mondo degli oggetti, costruendo il proprio sé corporeo attraverso il movimento e sperimentando, tramite il proprio corpo, la creatività del giocare.